Pleurotus Ostreatus

COMMESTIBILITÀ Ottima, molto versatile in cucina.
CARNE Molto compatta, soda, bianca.
SAPORE Aromatico e intenso.
ODORE Forte, di farina fresca o di rosa.
ABBINAMENTI

La sua carne succosa e soda si presta molto bene per la cottura alla griglia o in impanatura, al vapore o in padella, in forno o in frittura. Il pleurotus è buonissimo nelle ricette orientali, nei piatti a base di funghi o di uova e negli spezzatini. Per esaltarne il sapore e donare un sapore acre e speziato, si consiglia l’abbinamento con il dragoncello.

 

Descrizione

Il Pleurotus Ostreatus ha un cappello che si presenta spesso con forme e sfumature di colori diversi, dal grigio o marrone chiaro al grigio violaceo. La forma del cappello richiama vagamente quella di un’ostrica (uno dei nomi popolari di questo fungo è «pleuroto a forma d’ostrica») e può raggiungere un diametro di 20 cm circa.
Le lamelle sono abbastanza fitte e scendono giù per buona parte del gambo contribuendo a facilitare il riconoscimento di questo singolare fungo, chiamato anche gelone.

Ha il gambo molto corto e pieno, di colore bianco sporco. La carne è molto soda e compatta mentre quella del cappello si può definire quasi gommosa.

Nome scientifico: Pleurotus Ostreatus
Nome volgare: Gelone o Orecchione.

CALORIE 33 kcal
PROTEINE 3,31 g
CARBOIDRATI 6,09 g
ZUCCHERI 1,11 g
GRASSI 0,41 g
SATURI 0,062 g
MONOINSATURI 0,031 g
POLINSATURI 0,123 g
COLESTEROLO 0 mg
FIBRA ALIMENTARE
 2,3 g
SODIO 18 mg

Il P. ostreatus Contiene dei composti che avrebbero un effetto antinfiammatorio, antiaggregante piastrinico, antiossidante e stimolante del sistema immunitario. Inoltre produce lovastatina, una sostanza utilizzata come medicamento per ridurre il colesterolo.